Il tuo browser non supporta JavaScript!

Storia

Hitler e l'islam nella seconda guerra mondiale

DAVID MOTADEL?

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2020

pagine: 446

Nella fase più cruciale della Seconda guerra mondiale, le truppe tedesche, combattendo in regioni distanti tra loro come il Sahara e il Caucaso, affrontarono gli Alleati in terre largamente popolate da musulmani. I funzionari nazisti videro l'Islam come una potente forza da contrapporre agli stessi nemici della Germania. Il libro costituisce il primo resoconto completo dei tentativi ambiziosi di Berlino di costruire un'alleanza con il mondo islamico. Basandosi su ricerche d'archivio in tre continenti, David Motadel spiega come i funzionari tedeschi abbiano cercato di promuovere il Terzo Reich come protettore dell'Islam. Esplora le politiche e la propaganda di Berlino nelle zone di guerra musulmane, e il vasto lavoro che le autorità hanno intrapreso per il reclutamento, la cura spirituale e l'indottrinamento ideologico di decine di migliaia di volontari musulmani che hanno combattuto nella Wehrmacht e nelle SS. Le truppe tedesche sul terreno in Nord Africa, nei Balcani e nel fronte orientale combatterono d'altra parte con diverse popolazioni musulmane, compresi i Rom musulmani e gli ebrei convertiti all'Islam. Il libro fornisce nuovi spunti sul rapporto tra religione e politica nel conflitto più sanguinoso del XX secolo.
24,00

Le menti del doppio Stato. Dagli archivi angloamericani e del Servizio segreto del Pci il perché degli anni di piombo

Giovanni Fasanella, Mario Josè Cereghino

Libro: Copertina morbida

editore: Chiarelettere

anno edizione: 2020

pagine: 368

"Una terra di nessuno tra l'Est e l'Ovest": così l'intelligence angloamericana dipinge senza mezzi termini l'Italia del dopoguerra. Un paese sconvolto da pulsioni separatiste, stragi, piani golpisti, delitti eccellenti, tentativi insurrezionali di ogni colore ideologico e politico. La "strategia della tensione" nasce come modello eversivo nel quadriennio 1944-1948 ed è teorizzata e allestita da Servizi segreti stranieri e organizzazioni transnazionali occulte, attraverso la creazione di reti per la guerra clandestina nelle quali furono arruolati grandi gruppi industriali, mafia, massoneria e squadroni della morte capaci di assoldare manovalanza di ogni genere. Basata su anni di ricerche negli archivi britannici, americani, italiani, compresi quelli del vecchio Pci, "Le menti del doppio Stato" è un'inchiesta giornalistica che evidenzia le attività nell'ombra delle varie agenzie di spionaggio (ufficiali e non) operanti in Italia già prima della fine della Seconda guerra mondiale: dal mancato attentato al governo Bonomi a quelli falliti contro De Gasperi e Togliatti, dalle "operazioni sporche" di vari Servizi clandestini, che hanno destabilizzato il nostro paese facendolo precipitare sull'orlo della guerra civile negli anni da piazza Fontana all'assassinio di Aldo Moro, fino al terrorismo mafioso dei primi anni Novanta. Ecco perché, come suggeriscono gli autori nella loro Nota iniziale, la magistratura non ha mai potuto aggredire il livello più alto delle complicità, dei mandanti e delle regie occulte, che pure si intravedevano dietro le verità accertate. Prefazione di Giuseppe Vacca.
19,00

Alto Adige conteso

Roberto Roveda

Libro: Copertina morbida

anno edizione: 2020

pagine: 150

22,00

La via del Sud. Cosa rimane del mondo contadino?

Riccardo Musatti

Libro: Copertina morbida

editore: Edizioni di Comunità

anno edizione: 2020

pagine: 200

"La via del Sud" è uno dei libri più importanti mai scritti sul Mezzogiorno d'Italia, frutto di uno studio attento e di ricerche sul campo, che furono possibili anche grazie all'interesse di Adriano Olivetti per la questione meridionale. I temi critici affrontati da Musatti sono gli stessi che ancora oggi animano i dibattiti sul Sud Italia: arretratezza, emigrazione, scarsa presenza dello Stato, ma oltre tutto ciò, in queste pagine c'è anche un ritratto sapiente e suggestivo di un mondo contadino in buona parte scomparso, nonché un'indagine approfondita di una mentalità, quella meridionale, più complessa e vitale di quanto spesso non le si riconosca.
15,00

Biografia e storia. Saggi e variazioni

Gennaro Sasso

Libro

editore: Viella

anno edizione: 2020

pagine: 332

Scritti a margine di un'intensa produzione filosofica e storiografica, i sei saggi qui raccolti ruotano intorno al tema di biografia, autobiografia e storia. L'indagine sullo statuto dei tre generi letterari lascia emergere la difficoltà, in ciascuno, di poter conseguire la pienezza del risultato, svelando tra di essi una irresistibile contaminazione. La riflessione di Gennaro Sasso incontra opere e autori attraverso i quali emerge in primo piano il tema della crisi dell'Europa sulla via del tramonto, tra le due guerre che nel corso del Novecento ne hanno segnato il destino: Croce e Gentile, e la presunta "egemonia" delle filosofie idealistiche; il "provincialismo" degli studi; il Thomas Mann del Doctor Faustus; il Diario di Piero Calamandrei; e ancora Carlo Dionisotti e Arnaldo Momigliano. Nello sfilare di questi saggi, nei quali la dimensione critica e storiografica è percorsa da altrettanta profondità psicologica per i personaggi e le situazioni che vi sono affrontati, al lettore accade di percepire l'eco di un mondo assai vasto della cultura.
32,00

La civiltà occidentale e l'India

Rabindranath Tagore

Libro: Copertina morbida

editore: BOLLATI BORINGHIERI

anno edizione: 2020

pagine: 288

Rabindranath Tagore, oltre ad essere universalmente ritenuto uno dei maggiori poeti lirici di ogni tempo, ha avuto grande fama di romanziere, novelliere, drammaturgo e musicista. Non è invece altrettanto noto che Tagore apportò un grande contributo agli studi nel campo dell'educazione, dell'economia, della politica e dei problemi sociali, e pochi più di lui contribuirono alla nascita di quei movimenti che edificarono l'India moderna sulle ceneri dell'impero britannico. La civiltà occidentale e l'India raccoglie gli scritti politici, pedagogici, economici e sociali che il filosofo-artista ha scritto nell'arco di quasi cinquant'anni, tutti dominati dalla convinzione che il progresso non possa essere considerato in modo disgiunto dagli istituti sociali che lo hanno preceduto o determinato e che sono la vera «anima» di ogni civiltà. Venati di umanesimo universalistico e segnati da una poetica e affettuosa partecipazione ai drammi dell'uomo comune, questi scritti gettano una nuova luce sui problemi della civiltà indiana e si pongono anche come un messaggio a tutta l'umanità.
16,00

L'Immacolata segreta del '43. Il misterioso viaggio di Roosevelt a Castelvetrano

Maurizio Tosco

Libro: Copertina morbida

editore: 21 Editore

anno edizione: 2020

pagine: 205

Questo saggio è dedicato all'analisi di una vicenda poco nota: la misteriosa visita a Castelvetrano, Trapani, del presidente degli Stati Uniti Roosevelt, avvenuta l'otto dicembre (giorno dell'Immacolata) del 1943. In realtà dietro questo viaggio si cela un incontro decisivo tra il presidente e il suo staff che opterà per un radicale cambio di strategia degli americani, decisi a scongiurare l'egemonia britannica e sovietica nel Mediterraneo e a stroncare ogni velleitario tentativo indipendentista in Sicilia ad opera del movimento separatista o dei monarchi italiani.
18,00

L'oro segreto di Hitler

Remigio Zizzo

Libro: Copertina rigida

editore: RUSCONI LIBRI

anno edizione: 2020

pagine: 468

Edoardo Zorzi lavora per il ministero dell'Educazione Nazionale fascista come esperto nella tutela dei beni d'interesse artistico e storico. Si trova nel suo ufficio quando riceve una misteriosa lettera. Il mittente è Richard, un vecchio amico di Edoardo e suo compagno di studi alla facoltà di archeologia della Sorbona. Richard convince il protagonista a rinunciare alla sua promettente carriera nel partito fascista per diventare una spia al servizio degli alleati. La missione di Edoardo, che lo porterà a operare in Francia, Spagna, Inghilterra e Germania, consiste nell'impedire alle SS di entrare in possesso di importanti manufatti e reliquie del passato, come il Santo Graal, l'Arca dell'Alleanza e la Lancia di Longino.
19,00

Il nuovo corso dell'acqua. Romagna Acque - Società delle Fonti nel terzo millennio

Alberto Malfitano

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2020

pagine: 192

Negli ultimi venticinque anni il settore dei servizi pubblici locali è cambiato profondamente. Nel settore idropotabile si è fatta più viva la necessità di assicurare una risorsa che le frequenti siccità hanno reso un bene sempre più prezioso. È diventato di conseguenza ancora più importante il ruolo delle aziende fornitrici di acqua, che si trovano a fronteggiare emergenze ravvicinate e che devono programmare investimenti cospicui a medio e lungo termine. Questa ricerca individua nell'ultimo ventennio di vita di Romagna Acque - Società delle Fonti un caso di studio utile per comprendere come un'azienda pubblica, espressione dei molteplici interessi del territorio di riferimento, si sia adattata al contesto del terzo millennio per continuare a garantire l'obiettivo per cui era nata oltre cinquant'anni fa, fornire ai cittadini un approvvigionamento sicuro e di qualità.
18,00

La battaglia di El Alamein

Andrea Santangelo

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2020

pagine: 232

«Le distese sabbiose e le alture rocciose erano disseminate di veicoli fracassati, neri grovigli di rottami irriconoscibili, armi infrante, lembi di vestiti e frammenti di materiale, relitti di carri armati con le torrette aperte da cui sporgevano i torsi carbonizzati degli equipaggi» Generale Lucas Phillips Nel 1942 l'avanzata vittoriosa in Egitto delle forze tedesche e italiane comandate dal generale Rommel viene fermata dagli inglesi in una sperduta località del deserto egiziano, El Alamein. La vittoria inglese impedisce all'Asse di impadronirsi del Canale di Suez, primaria rotta logistica dell'Impero britannico, e di arrivare ai pozzi di petrolio del Medio Oriente. Da quel momento, l'iniziativa strategica sarà tutta nelle mani degli Alleati, che passeranno di vittoria in vittoria sino alla caduta dei regimi fascista e nazista. Ricostruita giorno dopo giorno, la storia di una battaglia leggendaria che fu il punto di svolta della seconda guerra mondiale.
19,00

Un'ambigua leggenda. Cinema italiano e Grande Guerra

Giaime Alonge

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2020

pagine: 184

A oltre cent'anni di distanza, la Prima guerra mondiale continua a essere fonte d'ispirazione per la cinematografia internazionale. Nel cinema italiano il conflitto del 1915-18 ha avuto però fortune alterne. Durante il ventennio mussoliniano, la nostra industria cinematografica si avvicina di rado al tema, sebbene il fascismo fosse sorto proprio dall'esperienza bellica. E anche dopo il 1945 il nostro cinema ha avuto un interesse solo rapsodico per quegli eventi, con alcune importanti eccezioni come «La grande guerra» di Mario Monicelli (1959) e «Uomini contro» di Francesco Rosi (1970). Il libro ripercorre il filo di una relazione difficile, dagli anni in cui il conflitto è ancora in corso sino ai nostri giorni: una lettura inedita di una delle stagioni più tragiche del Novecento e, insieme, una riflessione originale sulle potenzialità e i limiti della più popolare forma di intrattenimento del «secolo breve».
17,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.