Il tuo browser non supporta JavaScript!
Iscriviti alla newsletter

Diari e lettere

Bengasi durante la guerra italo-turca. Diario (1911-1912)

Francesco Corò

Libro: Copertina morbida

editore: ARACNE

anno edizione: 2020

pagine: 508

Francesco Corò (1878-1975) dal novembre 1911 ai primi anni anni '40 del Novecento ricoprì vari incarichi militari e civili in Cirenaica e Tripolitania, affiancati da un'intensa attività di giornalista, scrittore e studioso della Libia. Il diario della guerra italo-turca copre gli avvenimenti nella zona di Bengasi dal 15 novembre 1911 al 19 ottobre 1912 da un peculiare angolo di osservazione: Bengasi, città sulla quale pochi testimoni hanno soffermato la propria l'attenzione, fornendo informazioni ricavate da documenti raccolti in loco sul periodo precedente l'occupazione. Il diario presenta elementi di novità anche rispetto alla descrizione degli eventi seguiti all'occupazione e offre una delle poche testimonianze dirette sulle deportazioni dei libici in Italia.
23,00 21,85

Penso a te, che sei tutt'uno con la poesia di tuo padre. Lettere inedite di Anita Pittoni e Linuccia Saba (1957-1966)

Anita Pittoni, Linuccia Saba

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2020

pagine: 286

Il carteggio fra Anita Pittoni e Linuccia Saba è la testimonianza dell'incontro-scontro tra due donne di forte temperamento e con una spiccata personalità. Vi affiora anche la stima professionale e personale che avevano una per l'altra tanto che la descrizione del lavoro di entrambe rimane sempre al centro dei loro scritti. Raramente si lasciarono andare a confidenze intime; infatti, nelle lettere sono pochi i riferimenti al loro legame affettivo, ad eccezione della reciproca preoccupazione per la loro salute e della partecipazione ai numerosi lutti che le colpirono entrambe. Primo fra tutti la scomparsa di Umberto Saba, che diede avvio al loro scambio epistolare. Da quel momento, nelle loro lettere, le due donne elaborarono soprattutto idee e progetti per ricordare il grande poeta triestino, molti dei quali purtroppo non videro mai la luce.
15,00 14,25

Il Dio che conosco

Sara Tamagnini

Libro: Copertina morbida

editore: GRUPPO ALBATROS IL FILO

anno edizione: 2020

pagine: 128

Questa prima opera di Sara Tamagnini è il suo personalissimo diario di pensieri, scritto nel 2010, per riassumere un percorso speciale, iniziato con un incontro che ha segnato tutta la sua vita futura, instradandola all'autentica scoperta di Dio, e che è durato ben più a lungo e che probabilmente continuerà per tutta la sua vita. Racchiude consapevolezza e serenità, frutti entrambi di un'attenta riflessione, non esente da dolore e sofferenza, ma sempre guidata - anzi, accompagnata per mano da un Qualcuno di speciale, pronto non solo ad aiutarci e consigliarci ma soprattutto a sostenerci e salvarci: «Questi scritti ispirati sono parte di riflessioni su me stessa, sulla società e sulla mia fede, in cui, concretamente, attraverso lo studio e il cammino spirituale, ho approfondito il mistero di Dio».
13,90 13,21

Lettere

Mario Sironi

Libro

editore: ABSCONDITA

anno edizione: 2020

pagine: 128

«Due stati d'animo di uguale intensità dominano le lettere di Sironi: una sofferenza immutabile e un'immutata tensione creativa. L'una e l'altra non trovano pace, né forse la cercano. Il giovane che a diciotto anni dichiara di aver già avuto "molte prove della malignità del destino"; l'uomo che nel '35 sente "il peso del destino inumano" e nel '61, poco prima di morire, si augura solo di trovare "dopo tanto bestiale soffrire un po' di pace e silenzio", è lo stesso che lavora per decenni con inalterata concentrazione e si dedica all'arte con tutte le sue forze. La vita non ha risparmiato a Sironi le esperienze drammatiche: prima la perdita del padre a tredici anni, le ricorrenti crisi di nervi, la guerra; poi la povertà, la contrastata vicenda familiare, le aspre polemiche sulla sua pittura; con la caduta del fascismo il crollo di tutti i suoi ideali politici, un'esecuzione sommaria evitata in extremis, l'emarginazione; infine la perdita della figlia Rossana, che si uccide a diciotto anni nel 1948. Eppure leggendo le sue lettere, che ricompongono tutta la sua vicenda biografica (e che qui sono ordinate per la prima volta in modo organico), si ha l'impressione che la sua sofferenza non nasca soltanto dalle circostanze esterne, ma abbia un'origine più misteriosa, più segreta. La sua sensibilità getta un'ombra cupa sullo spettacolo delle cose. D'altra parte tanta esperienza dolorosa non allenta mai la tensione espressiva dell'artista. E come nei suoi paesaggi urbani occorre cogliere, oltre l'aspetto tragico, quello propositivo e classico, così nelle sue lettere non si possono registrare le espressioni di dolore senza notare le orgogliose risposte alla sfida.» (Elena Pontiggia)
14,00 13,30

Caro Leo. Attraverso lo specchio

Mariateresa Passarelli

Libro: Copertina morbida

editore: BOOKSPRINT

anno edizione: 2020

pagine: 82

"Caro Leo" è un'opera che nasce inizialmente come diario personale, in cui l'autrice ha messo su carta sentimenti ed esperienze, suoi o ascoltati. È un'opera pregna di emozioni quali rabbia, rancore, paura ma anche e soprattutto, amore, compassione, perdono. È incredibile come si possa vedere il mondo con occhi diversi quando si capisce che il "Leo" dell'autrice esiste in realtà nella vita di tutti; Leo è chiunque vi faccia riconoscere nei suoi occhi. Leo è la rabbia, Leo è la depressione, Leo è la colpa, Leo è il perdono di se stessi e degli altri. Leo è la sfida che affrontiamo ogni giorno e vinciamo, sempre.
14,90 14,16

Corrispondenza 1880-1882

Richard Wagner, Cosima Wagner, Joseph-Arthur de Gobineau

Libro

editore: ARAGNO

anno edizione: 2020

pagine: 215

«Dovevo incontrare così tardi il solo scrittore originale che io conosca? Non divoro le Nouvelles asiatiques perché le assaporo. Fieno delle Mille e una notte!». Wagner non trova altre parole per dire tutto il suo entusiasmo alla lettura delle novelle di Gobineau. Il quale dal canto suo così si esprime riguardo alla musica del Maestro: «Ah il Lohengrin! Non c'è niente al mondo di comparabile!». Ma nonostante l'amicizia e la stima reciproca Wagner e Gobineau non erano disposti a transigere sulle loro convinzioni. L'uno impegnato nell'opera di rigenerazione della razza superiore mediante la vera arte, e l'altro con la certezza che le civiltà, organismi viventi, subiscono la necessità della vita: nascita, crescita, fecondità, deperimento e morte. Tanto da far supporre che se le relazioni tra i due non fossero state interrotte dalla morte, sarebbero sfociate in un dissidio come quello sorto tra Nietzsche e Wagner al tempo della rappresentazione del Ring nel primo festival di Bayreuth.
15,00 14,25

Il laboratorio di sé. Corrispondenza

Stendhal

Libro

editore: ARAGNO

anno edizione: 2020

pagine: 694

35,00 33,25

Il laboratorio di sé. Corrispondenza

Stendhal

Libro

editore: ARAGNO

anno edizione: 2020

pagine: 644

35,00 33,25

Il laboratorio di sé. Corrispondenza

Stendhal

Libro

editore: ARAGNO

anno edizione: 2020

pagine: 674

35,00 33,25

Il laboratorio di sé. Corrispondenza

Stendhal

Libro

editore: ARAGNO

anno edizione: 2020

pagine: 564

35,00 33,25

Lettere di Giustino Fortunato a don Giovanni Minozzi e la nascita dell'Opera

Giuseppe Mastromarino

Libro: Copertina rigida

editore: Edizioni Giannatelli

anno edizione: 2020

pagine: 160

La pubblicazione delle lettere inedite, scritte da Giustino Fortunato a don Giovanni Minozzi durante il periodo dal 1919 al 1932, consente di inquadrare con un affresco impressionistico non solo un'amicizia autentica intercorsa fra queste due personalità così diverse, ma offre la possibilità di una migliore conoscenza del pensiero e dell'anima del grande meridionalista nell'ultima parte della sua vita, ormai fuori dall'agone politico. Pertanto, nel presente testo, emerge una visione a largo raggio dei temi della questione meridionale, attraverso una nuova linea interpretativa basata sul convincimento di Minozzi e Semeria circa la possibilità di redenzione del Mezzogiorno mediante l'educazione e l'istruzione, a cui Giustino Fortunato aderirà progressivamente e con entusiasmo, perché tale idea scaturiva da una fede e da una concretezza operativa con l'istituzione di orfanotrofi, scuole, asili, doposcuola, ricreatori.
16,00 15,20

Zibaldone dei sogni e dei pensieri

Giuseppe Bartolozzi

Libro: Copertina rigida

editore: POLISTAMPA

anno edizione: 2020

pagine: 232

Il lettore che si appresta a sfogliare le pagine che l'artista, pittore, scultore e poeta Beppe Bartolozzi ha dato alle stampe certamente si pone la domanda su quale sia il momento unificante di esse. C'è un susseguirsi di poesie che si snodano nel tempo dagli anni '60 fin quasi ai nostri giorni. Ci sono lettere agli amici con note critiche; commenti alle opere; testi di conferenze e interviste; considerazioni sul vivere. Come ben si vede, sono pagine di natura diversa che abbisognano anche di codici di lettura diversi per essere indagate e comprese. Uno zibaldone, insomma, che rimanda al famoso Zibaldone il cui titolo completo, non lo si dimentichi, è Zibaldone dei pensieri.
28,00 26,60

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento