Il tuo browser non supporta JavaScript!
Iscriviti alla newsletter

Libri di Gabriella D'Aprile

Memorie di una inedita corrispondenza. Lettere di Giuseppe Lombardo Radice ad Adolphe Ferrière

Gabriella D'Aprile

Libro

editore: ETS

anno edizione: 2020

pagine: 144

Frutto di un sistematico scavo investigativo e di un attento studio di fonti documentarie finora inesplorate, rinvenute presso il Fonds Adolphe Ferrière della Fondation Archives Institut J. J. Rousseau dell'Università di Ginevra, il volume consegna alle stampe le lettere inedite di Giuseppe Lombardo Radice inviate ad Adolphe Ferrière tra il 1924 e il 1931 e permette di far luce sul dialogo personale, intellettuale, editoriale intercorso tra i due indiscussi protagonisti del movimento pedagogico internazionale dell'Educazione nuova e della Scuola attiva. Oltre ad offrire testimonianza di un incontro umano e di una vivace corrispondenza di aspirazioni, idealità, intenti in tema di riforma educativa, le lettere costituiscono una documentazione di rilievo culturale per arricchire la conoscenza su una felice stagione di rinnovamento educativo e scolastico che possiamo definire la koinè pedagogica del Novecento e della contemporaneità. La sua eredità può essere ancora un riferimento essenziale per la riflessione pedagogica e per la pratica educativa attuale, al fine di cogliere più ampiamente il senso della genesi di una "nuova" cultura dell'educazione.
13,00 12,35

Natura cultura. Paesaggi oltreconfine dell'innovazione educativo-didattica

Viviana La Rosa, Gabriella D'Aprile, Maria Tomarchio

Libro

editore: FRANCO ANGELI

anno edizione: 2019

pagine: 150

Natura/cultura è polarità costitutiva tra le antinomie classiche della pedagogia, ma è anche binomio che restituisce il senso figurato di un complesso sistema di relazioni, sempre e comunque culturalmente connotato, in continua evoluzione, che sollecita attente riflessioni sul terreno dei processi formativi. Sullo sfondo di tale consapevolezza, il volume offre il resoconto di una ricerca interdipartimentale dal titolo "Asse natura-cultura. Progettazione educativa, Sistema formativo integrato, configurazione del territorio" (FIR2014) volta al censimento, all'osservazione sistematica e all'accompagnamento di pratiche di coltura della terra condotte a scopo educativo-didattico presso un consistente numero di Istituti scolastici siciliani. Il lavoro assume quale scenario privilegiato di osservazione e riflessione le iniziative poste in essere da docenti e dirigenti scolastici che restituiscono, ricca di sfumature, una intenzionalità orientata a promuovere rinnovate modalità di accesso ai saperi e alle discipline, inclusione e coesione sociale, dialogo interculturale e intergenerazionale, responsabilità etico-sociale rispetto ai processi formali e informali di trasformazione dell'ambiente e del territorio; si colloca pertanto idealmente entro l'orizzonte di un sistema formativo integrato, ma con uno sguardo particolarmente attento a cogliere ogni possibile elemento di originalità e di divergenza rispetto a prospettive di educazione ambientale aprioristicamente assunte. In tale contesto, le finalità che sospingono l'interesse delle autrici sono da ricercare nell'aspirazione a restituire visibilità a contesti e tendenze diversamente sommerse, nella volontà di porre in valore il ruolo dei docenti quali agenti di innovazione, e pertanto di consegnare al lettore un interrogativo sul quale tornare a riflettere: quale ricerca di senso e di armonia, quale portata innovativa custodisce la rivoluzione raccolta e gentile che fa appello alla pratica della coltura della terra?
18,00 17,10

La terra come luogo di cura educativa in Sicilia. Metafore e tracce nel tempo

Maria Tomarchio, Gabriella D'Aprile

Libro: Copertina morbida

editore: Bonanno

anno edizione: 2015

pagine: 220

Dalla metafora della coltura della terra la riflessione educativo-didattica riceve, nel corso dei secoli, innumerevoli e multiformi suggestioni. Si coltiva il seme dell'intelligenza perché possa germogliare, si dissoda il terreno perché il sapere metta radici, si seleziona il frutto della conoscenza. Ancora oggi tra insegnanti ed educatori si osserva, diffusa, la tendenza ad individuare nella coltura della terra un luogo di importanti esperienze formative d'apprendimento/apprendistato delle più significative regole che sovrintendono alla vita, di attese di crescita, di risoluzione di conflitti, di armonico sviluppo delle potenzialità dell'essere umano nel contesto di quel sinergico, diversificato, sistema di forze che è la natura. In tale contesto la Sicilia si offre, tra storia e nuova progettualità, quale importante laboratorio di riferimento, con un proprio significativo patrimonio di esperienze di educazione all'aperto e di campi scolastici.
25,00 23,75

Adolphe Ferrière e les oubliés della Scuola attiva in Italia

Gabriella D'Aprile

Libro: Copertina morbida

editore: ETS

anno edizione: 2010

pagine: 270

Avvalendosi di fonti di documentazione in gran parte inesplorate, riportate alla luce presso la Fondation Archives Institut Jean-Jacques Rousseau (AIJJR) dell'Università di Ginevra, il volume consegna un profilo inedito del pedagogista ginevrino Adolphe Ferrière, prendendo le distanze dai più consueti protocolli di lettura che lo ritraggono - cliché interpretativo ormai scontato - nicamente come infaticabile propagandista ed entusiasta divulgatore dell'idea di scuola attiva, Globe-trotter del'Education Nouvelle. Ponendo l'accento su figure di educatori e pedagogisti oubliés, animatori di originali esperienze di avanguardia educativo/didattica, intento dello studio è proporre, altresì, una riconsiderazione del modello e delle esperienze di Scuola Attiva in Italia.
24,00 22,80

Biologia evolutiva e pedagogia

Gabriella D'Aprile

Libro: Copertina morbida

editore: Bonanno

anno edizione: 2008

pagine: 148

Il volume consegna un contributo di riflessione all'attenzione di quanti con interesse seguono il dibattito intorno al controverso versante d'indagine situato al crocevia di pedagogia e biologia. Nella volontà di accedere ad una comprensione multiprospettica dell'uomo e delle dinamiche che ne regolano sviluppo ed evoluzione, la scienza pedagogica, nella recente stagione di riflessione, ha infatti intrecciato un fecondo legame con la biologia che presenta quale oggetto di studio privilegiato l'organismo vivente e le relazioni che esso attiva con l'ambiente.
12,00 11,40
13,00 12,35

Michele Crimi (1875-1963). Pagine inedite di pedagogia siciliana

Gabriella D'Aprile, Mariella Tomarchio

Libro: Copertina morbida

editore: Bonanno

anno edizione: 2008

pagine: 188

Articolato in più sezioni storico-tematiche introdotte da brevi testi illustrativi, il Catalogo accoglie foto d'epoca e fonti documentarie esposte in occasione della Mostra "Michele Grimi (1875/1963). Pagine inedite di pedagogia siciliana" allestita presso l'Università di Catania, in occasione del Convegno di Studi su "Lo sperimentalismo pedagogico in Sicilia" e Michele Grimi. L'esposizione ha offerto al visitatore l'opportunità di riscoprire tratti poco noti di una vivace stagione di sperimentalismo pedagogico e di ricerca empirica in educazione dei primi decenni del Novecento e di accostarsi al pensiero e all'opera di Michele Grimi, educatore e pedagogista siciliano attivamente impegnato nel campo dell'innovazione pedagogica e dell'istruzione in Sicilia.
18,00 17,10

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento