Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Antonio Tricomi

Pasolini

Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: SALERNO

anno edizione: 2020

pagine: 332

«Aveva torto e non avevo ragione». Così Fortini in ricordo di un interlocutore la cui grandezza oggi ci si rivela ancor più controversa, ma la cui intelligenza delle questioni e il cui sguardo sulla realtà circostante continuano a offrire un punto di vista con cui è impossibile non confrontarsi. In primo luogo perché, sperimentando soluzioni espressive talvolta addirittura estremistiche, Pasolini ha in fondo sempre cercato il conflitto con l'industria culturale, col senso comune. E poi perché, non rinunciando mai a presentarsi anzitutto come intellettuale civile, egli ha scommesso, senza mai derogarvi, sul valore squisitamente politico della letteratura, dell'arte, della conoscenza. Scrutato in quest'ottica da Antonio Tricomi, il bulimico work in progress pasoliniano dimostra di trovare i propri capisaldi senz'altro nelle "Ceneri" di Gramsci e nella "Meglio gioventù", nei corto e mediometraggi degli anni Sessanta, in testi teatrali come "Orgia" e "Calderón", ma, ancor più, nei suoi esiti ultimi. In particolare, nei propri risvolti saggistici (dagli "Scritti corsari" alle "Lettere luterane" e a "Descrizioni di descrizioni"), in quell'autentico "incubo" cinematografico che è il "Salò o le 120 giornate di Sodoma" e, soprattutto, in "Petrolio". È in tale, apocalittico «centone» che urge con ogni probabilità rinvenire il capolavoro almeno potenziale di Pasolini.
22,00

Cronache letterarie

Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: Galaad Edizioni

anno edizione: 2017

pagine: 308

Ovviamente queste non sono cronache letterarie. Non inseguono infatti, né desiderano vagliare sistematicamente le principali novità editoriali. Scelgono piuttosto di sondarne pazientemente alcune con l'intento di valorizzare la tradizionale attitudine del saggismo: prodursi in classici esercizi di critica della cultura. È dunque in primo luogo una riflessione sul nostro tempo quella che, pagina dopo pagina, lentamente emerge dall'assiduo corpo a corpo con scrittori quali Affinati, Broch, Carrère, De Angelis, DeLillo, Dürrenmatt, Falco, Houellebecq, Jünger, Lagioia, Pynchon, Joseph e Philip Roth, Saviano, Siti, Vasta. Così, mentre pur ne ammette l'ormai cronica sterilità sociale, Tricomi comunque si ostina a scorgere nella critica letteraria un raffinato strumento di conoscenza.
15,00

Fotogrammi dal moderno. Glosse sul cinema e la letteratura

Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: ROSENBERG & SELLIER

anno edizione: 2015

pagine: 319

Hitchcock, Welles e Lang; Huston, Kubrick e Laughton. L'espressionismo, il noir e il western; Leni Riefenstahl, Germi e Altman. Il neorealismo e il poliziottesco italiani; Bellocchio, Haneke e Sokurov. Il cinema hollywoodiano dei nostri anni e i giochi di prestigio di Christopher Nolan. In "Fotogrammi dal moderno", l'autore fa dialogare questi e altri maestri, queste e altre poetiche cinematografiche, con sicuri capisaldi del pensiero contemporaneo, con svariate opere letterarie, per sondare il rapporto tra tali mondi stilistici e i contesti storico-sociali che li hanno visti nascere o di cui essi hanno inteso offrirci acute trasfigurazioni. L'esegesi filmica si traduce così, pagina dopo pagina, nel tassello di una più ampia riflessione critica sul Novecento, sull'oggi.
19,00

Nessuna militanza, nessun compiacimento. Poveri esercizi di critica non dovuta

Antonio Tricomi

Libro: Libro in brossura

editore: Galaad Edizioni

anno edizione: 2014

pagine: 424

"Un mondo ci è appena crollato alle spalle e non se ne vede un sostituto che non prometta miseria, solitudine, stoltezza dei grandi mediatori, forse violenza. Sembra quasi che Tricomi indaghi questo crollo per cerchi concentrici, facendone una questione privata non prima di aver inserito quest'ultima nella cronaca e sullo sfondo degli anni che stiamo vivendo: un'indagine sull'attuale stato delle cose a propria volta collocata in un contesto storico di portata assai più vasta". (Nicola Lagioia)
16,00

Bob Dylan. Parliamone

Gianfranco Coci, Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 102

Ha 77 anni e da quando ne aveva 18 è in giro per il mondo a scrivere e cantare canzoni. Ha vinto l'Oscar, il Pulitzer, il Nobel. C'era prima dei Beatles e c'è ancora. Ha tenuto migliaia di concerti e venduto decine di milioni di dischi. Bob Dylan, parliamone. Prefazione di Luigi Caramiello.
10,00

Bob Dylan. Cantautore da Nobel

Gianfranco Coci, Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2017

pagine: 192

Premio Nobel per la letteratura 2016 "per aver creato una nuova espressione poetica nell'ambito della tradizione della grande canzone americana", Bob Dylan non ha soltanto dato per primo dignità e spessore alla musica popolare contemporanea: la si chiami folk, rock o qualunque altra etichetta venga in mente di volta in volta. Ma è anche un esempio di longevità artistica senza confronti: c'era prima di Beatles e Rolling Stones e c'è ancora. Da qualunque punto di vista lo si osservi, gli spunti di riflessione che offre sembrano non doversi mai esaurire. Coci e Tricomi, consapevoli che una parola definitiva su Dylan non potrà mai essere pronunciata, provano a mettere in campo qualche tema: dischi, concerti, testi, musiche, esecuzioni, dichiarazioni pubbliche, vita privata, rapporti con i maestri e i colleghi, influenze sui musicisti (praticamente tutti quelli che sono venuti dopo di lui). Tenendosi a distanza di sicurezza tanto dalle ritualità saggistiche che dalla retorica da fan.
18,00

A noi ci piaceva il blues... ovvero tutte le strade portano a Memphis

Giorgio Verdelli, Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: Reality Book

anno edizione: 2015

pagine: 248

L'idea di questo libro inizia nel 2012, ma sarebbe ipocrita negare che l'urgenza interiore di concretizzare il lavoro si è materializzata nella notte tra 4 e 5 gennaio 2015, quella che si è portata via Pino Daniele. A partire da quella formidabile emozione collettiva gli autori, come in un flash-back, ripercorrono un lungo viaggio musicale, da Napoli a Los Angeles, passando per Memphis. Perché è a Memphis che portano le strade del blues. Antonio Tricomi scrive dal 1990 per Repubblica, Giorgio Verdelli è autore e regista di Unici, programma di Rai2 dedicato alle eccellenze dello spettacolo. Il racconto è accompagnato da un apparato iconografico dal forte impatto emotivo. Molte le foto inedite. Prefazione di Maurizio de Giovanni.
18,00

La repubblica delle lettere. Generazioni, scrittori, società nell'Italia contemporanea

Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: Quodlibet

anno edizione: 2010

pagine: 552

Almeno in Italia, quello del progresso democratico pare ormai un progetto decaduto, né sembra più esistere un'autentica civiltà letteraria. E questa seconda implosione, se non è il meccanico risultato della prima eclissi, vi trova però qualche spiegazione e ne riflette diverse dinamiche. Ai nuovi cittadini, ai nuovi letterati, non resta forse che maneggiare i cocci ricevuti in eredità dai padri. La Repubblica delle Lettere indaga quest'emergenza politica e culturale attraverso l'analisi delle opere di alcuni tra gli scrittori italiani più significativi del secondo Novecento e dei giorni nostri. Affinati, Balestrini, Bianciardi, Calvino, Celati, Eco, Pasolini, Saviano, Sciascia, Siti, Tondelli, Volponi: questi e altri autori, sono convocati per offrire al lettore frammenti di un'autobiografia della nazione che trova i suoi capitoli più recenti nel boom economico, nel '68, nell'assassinio di Moro, nel nichilismo degli anni Ottanta, nella discesa in campo di Berlusconi. E anche di film come "Buongiorno, notte", "Gomorra", "Il Divo", è messa in luce la capacità di rispecchiare il vuoto di prospettive che contraddistingue il presente.
34,00
16,00

Pasolini: gesto e maniera

Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: RUBBETTINO

anno edizione: 2005

pagine: 166

Il libro si propone di delineare un profilo complessivo di Pasolini, offrendo al lettore due chiavi interpretative: quella della performatività e l'altra del manierismo delle opere, certamente utili a decifrarne l'intera produzione letteraria, saggistica e filmica. Il costante confronto istituito con le poetiche e gli scritti di autori come Volponi, Fortini, Zanzotto, Calvino e altri, evidenzia il valore epocale del percorso pasoliniano ed esemplifica in modo emblematico il passaggio dalla modernità alla postmodernità anche attraverso una rassegna ragionata delle principali interpretazioni critiche registratesi nel corso degli anni fino ad oggi.
10,00

In corso d'opera. Scritti su Pasolini

Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: Transeuropa

anno edizione: 2010

pagine: 350

Amarlo, con generosità, e insieme contraddirlo, con forza. Affrancarsi dal suo mito per riscoprire la reale sostanza della sua opera di geniale bricoleur e inesausto pedagogo. Nel modo in cui tenne la scena pubblica, riconoscere un disperato tentativo di riaffermare il valore civile dell'arte, e della letteratura in specie, ma anche una forma di equivoca, e ancora eversiva, complicità con quel sistema dell'industria culturale che ormai non sembra più permettere a un intellettuale, a uno scrittore, margine di autonomia alcuno. Usarlo, e infine superarlo. A distanza di decenni dalla sua morte, è sempre questo che, con Pasolini, siamo chiamati ambiguamente a fare.
25,00

Sull'opera mancata di Pasolini. Un autore irrisolto e il suo laboratorio

Antonio Tricomi

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2005

pagine: 447

Pasolini è stato certamente tra gli autori più significativi del secondo Novecento italiano. Eppure, soprattutto dopo la pubblicazione di dieci "Meridiani" che ne raccolgono l'opera intera, egli appare uno scrittore irrisolto. Programmaticamente irrisolto, perché le incongruenze e gli eccessi (stilistici, formali, concettuali) che caratterizzano i suoi testi, e talora li condannano al fallimento, si devono al tentativo di reagire alla perdita di legittimità sociale della letteratura e alla volontà di presentare al pubblico le proprie opere non come semplici prodotti estetici, ma come "ordigni" capaci, esplodendo nelle mani dei lettori, di modificare immediatamente la percezione che essi hanno della realtà.
30,60

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.