Il tuo browser non supporta JavaScript!
Iscriviti alla newsletter

Sensibili alle Foglie

L'ultimo libro di carta

Franco Dionesalvi

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 176

La storia di Aurelio e Lella, due ventenni innamorati in un paese del Sud, si svolge fra gli anni quaranta e sessanta del Novecento e, fra private illusioni e pubblici inganni, attraversa la seconda guerra mondiale, la campagna italiana di Grecia, i campi di concentramento tedeschi, fino al secondo dopoguerra, con la nuova emigrazione italiana e le fabbriche del Nord. La voce narrante, l'autore dell'"ultimo libro", è Giulio Brogi, un professore di filosofia che insegna in un liceo di una Milano del Terzo millennio, immersa nel cicaleccio dei telefonini, avvolta in una nebbia non più atmosferica ma rumorosa e nevrotica nelle sue solitudini. Giulio scopre di avere l'Alzheimer, e mentre la sua mente progressivamente deraglia, comincia una lotta contro il tempo, per finire il libro, che il suo editore ha deciso sarà l'ultimo di carta che intende pubblicare.
16,00 15,20

Identità cibernetiche. Dissociazioni indotte, contesti obbliganti e comandi furtivi

Renato Curcio

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 128

Il paradigma della dissociazione identitaria, così come è stato posto da Janet sul finire dell'Ottocento e sviluppato da Hilgard, Ludwig, Lapassade e altri nel Novecento, si misura oggi con l'utilizzo dei più comuni dispositivi digitali da parte di un numero crescente di umani. La tesi sulla quale si incardina questo lavoro mette in luce una nuova forma di dissociazione adattativa, qui definita sdoppiamento digitale, indotta dal progressivo spostamento della vita di ciascuno dalle relazioni in presenza alle connessioni. Lavoro da casa, didattica a distanza, politica social-mediata, obbligando all'accesso a piattaforme e all'uso di dispositivi digitali, richiedono all'individuo di dissociarsi in una o più identità di connessione. Come queste identità siano vulnerabili a essere manipolate e, in prospettiva, comandate a distanza, riducendo progressivamente l'autonomia di pensiero e di azione, è il territorio su cui questo libro si affaccia per avviare una riflessione collettiva e un confronto con quanti si augurano che la tecnologia digitale possa un giorno essere messa al servizio degli umani, all'opposto di quanto oggi accade.
16,00 15,20

D'amore di lotta e di passione. Scritti di viaggio tra memoria e lotte operaie

Umberto Fazzi

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 104

Con brevi racconti e frammenti poetici sul filo autobiografico, l'autore ci conduce sulle tracce della memoria della storia operaia, dalle acciaierie di Terni alla Thyssenkrupp di Torino alla Eternit di Casale Monferrato. Una scrittura che nasce dall'emozione durante i viaggi in diverse parti d'Italia e ci consegna la passione di una vita vissuta, dall'infanzia alle relazioni più vere e profonde, dalle lotte operaie ai conflitti con il sindacato fino al movimento No-Tav. La poetica non fa sconti e ci restituisce i contorni degli invisibili di oggi: dai senzatetto di Taranto agli immigrati sfruttati nelle campagne emiliane, fino agli attivisti rivoluzionari uccisi nelle carceri egiziane e turche. Un messaggio semplice, che coniuga la memoria personale al percorso collettivo e ci interroga sul presente in cui viviamo.
13,00 12,35

Mismas. Umanità sotto assedio

Riccardo Redivo

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 80

Mismas, nel dialetto triestino, significa miscela, cocktail, spritz o, in senso figurato, guazzabuglio, confusione, andirivieni (deriva dal tedesco Mischmasch). In questo libro è il nome del luogo in cui il poeta Vigini e la sua compagna Rosa si risvegliano dopo un incidente d'auto. Mismas è l'umanità emarginata, esclusa, isolata, e per questo produttrice di poesia, amore, follia, violenza, veemenza, narrazione. Temi veri, reali e concreti, quasi sempre ignorati da chi è fuori e stigmatizza chi lì ci vive: «migranti, profughi, zingari, clandestini, girovaghi, raminghi, senzatetto, poveri, poverissimi, spacciatori, malati, derelitti, gente insomma di tutte le risme e proveniente dalle più disparate zone del pianeta». Il tesoro di Mismas sta nella solidarietà e nella voglia di vivere, una vita antica, primitiva, che si manifesta concretamente e che per continuare a esistere ha bisogno di storie come quelle raccontate in questo romanzo, storia nelle storie.
12,00 11,40

Stanze di riflessione sulla vita e la morte. Un libro per anime assetate di senso

Sergio Starace

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 272

Dalla premessa dell'Autore: "A un certo punto ho pensato che la sola via d'uscita che mi restava fosse quella di raccontare il mio vissuto personale della morte. Se infatti è vero, com'è vero, che ogni uomo è un universo esistenziale assolutamente unico e irripetibile, ancorché declinantesi all'interno di coordinate ontologiche universali, il mio collocarmi di fronte alla morte darà vita a una diade dialogica altrettanto unica e irripetibile. Sulla scorta di questa convinzione e sentendomi, per così dire, autorizzato a far ciò dai grandi esempi offertimi da Montaigne, Pascal, Kierkegaard, ho allora deciso di sostanziare il mio lavoro, riportando il contenuto del dialogo che intesso con la morte da quando avevo l'età di otto anni. Al lettore chiedo infine d'incamminarsi lungo questo percorso, portando nel suo bagaglio una buona dose di indulgenza e benevolenza nei miei confronti".
19,00 18,05

Conversazioni con un rivoluzionario. Autobiografia di Mauro Damiani

Mauro Damiani, Giulia Spalla

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 136

Giulia e Mauro si sono conosciuti quindici anni fa. Li ha uniti per lungo tempo un percorso di psicoterapia e una profonda passione per la politica. Non si sono mai persi di vista e, recentemente, quando Mauro ha provato il desiderio di raccogliere la sua storia, ha trovato in Giulia la possibilità di realizzarlo. È iniziato un percorso durato alcuni anni, in cui i due si sono ritrovati per parlare, ascoltare, ridere, piangere e commuoversi insieme. Mauro desiderava raccontare al mondo le sue sofferenze, il rapporto con lo stigma della malattia mentale, la paura, la solitudine, i fantasmi di una vita. Ma voleva parlare anche dei successi, delle amicizie, degli amori, dei percorsi di sostegno intrapresi per uscire dal dolore. E lo ha fatto senza vergogna, innamorandosi di quello che è stato, della capacità di cambiare, di quel Mauro fragile e forte al tempo stesso, che ha saputo con dolcezza e autenticità attraversare la sua vita e risollevarsi. Prefazione del Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud.
14,00 13,30

L'arte ir-ritata si racconta

Nicola Valentino

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 128

Questo libro nasce in occasione del trentennale (1990 - 2020) dell'attività di Sensibili alle foglie e del suo peculiare modo di guardare le risorse espressive che si manifestano nelle condizioni di reclusione e difficoltà a vivere. È sulla spinta di questo segno di radicamento nel tempo che l'autore, direttore artistico dell'Archivio di scritture scrizioni e arte ir-ritata, decide di chiedere ad alcune persone, che nel corso degli anni hanno collaborato con l'Archivio, di offrire un loro contributo, in modo che l'arte ir-ritata si potesse raccontare attraverso punti di vista variegati e ambiti sociali e professionali diversificati. Prendendo forza dalle esperienze fatte questo lavoro si proietta nella possibilità che l'arte ir-ritata continui a costituire una modalità sociale e culturale per rendere visibili, valorizzandone i linguaggi, le persone costrette all'invisibilità.
16,00 15,20

Questi giorni. Sei taccuini

Simona Cleopazzo

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 88

La vita quotidiana, le famiglie devastate e quelle ritrovate, gli ospedali, gli amori persi per sempre, i piani b, gli eventi naturali, gli impegni politici, i segreti, i decreti, i caffè, le cadute, i sogni sommersi, le riconciliazioni, le letture, le fughe. La vita di sei donne riletta alla luce dei giorni del Covid-19. Irene, Grazia, Simona, Rosi, Anna, Silvia scrivono ogni giorno, creando sei punti di vista diversi sulla vita che, oggi, si plasmano e si somigliano. Nella prosa c'è sempre stata la voce, ma in questi giorni la voce non c'è, ci sono solo gli sguardi. Occorre riconoscersi al volo nella bufera.
12,00 11,40

La solitudine mi stanca

Moussa Bassirou Kané

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 80

Dove sia oggi l'Italia sul riconoscimento della dignità e dei diritti delle persone migranti ce lo racconta chi, partendo dal Mali e passando per la Libia, ha attraversato il cimitero del Mediterraneo su un barcone. Il suo sguardo ci colloca in quell'area "bianca" che resta indifferente alle proprie venature culturali e giuridiche indubbiamente razziste. Per questo la storia raccontata per frammenti poetici da Moussa Bassirou Kané - convinto che Dio abbia fatto il pianeta Terra molto ampio proprio per consentire a chi, come lui, non si sentiva bene in un posto, di cercarsene un altro per esistere in libertà e ricominciare da capo - va ascoltata con profonda attenzione e qualche vergogna. L'avventura di Moussa, infatti, racconta quanto sia stato arduo il suo viaggio e quante umiliazioni lo abbiano accompagnato. Con una scrittura a ritmo di rap egli denuncia in modo efficace tanto le condizioni sociali e politiche dei Paesi africani, quanto la miseria umana dei razzismi nostrani.
13,00 12,35

Voci da un altro mondo. Lettere dal manicomio senza censura. «Matti» di ieri e invisibili di oggi

Enrico Contenti

Libro: Copertina morbida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2020

pagine: 176

Leggere e "vedere" le lettere scritte alla Associazione per la Lotta contro le Malattie Mentali (ALMM) dai reclusi nei manicomi, nei civilissimi anni settanta del Novecento, restituisce valore e dignità a quelle persone che ne sono state private e ci aiuta a comprendere l'estrema sofferenza di chi, oggi come allora, è afflitto da problemi psichici. Nel libro traspaiono indignazione e rabbia verso un sistema sociale che, dopo aver cancellato le forme di comunità solidali del secolo scorso, ha lasciato il cittadino solo e fragile di fronte al senso di precarietà e insicurezza che lo sovrasta. Un sistema che non soltanto contribuisce alla continua crescita del disagio mentale, ma sembra quasi occultarlo per non mostrare i suoi "scarti". Un sistema che non manca di trarne profitto attraverso l'immenso giro d'affari dell'industria del farmaco o delle strutture private che si rafforzano a fronte di un'assistenza pubblica che, nonostante pochi esempi virtuosi di "resistenza", continua a impoverirsi di risorse umane e materiali.
18,00 17,10

Le Cayenne italiane. Pianosa e Asinara: il regime di tortura del 41 bis

Libro

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2016

pagine: 112

Questo libro raccoglie testimonianze e memorie sull'esperienza del 41 bis nelle sezioni Agrippa di Pianosa e Fornelli dell'Asinara nei primi anni novanta del Novecento. Benché questi luoghi specifici siano stati chiusi, circa settecento persone, tuttora, sono sottoposte al regime del 41 bis, in totale spregio della Costituzione e del buon senso. E il corpo speciale, Gruppo Operativo Mobile, addestrato per gestire le sezioni a 41 bis con i metodi narrati in queste pagine, non soltanto non è stato sciolto, ma continua ad essere impegnato quotidianamente nel nostro democratico Paese. Paese che, centocinquantacinque anni dopo l'Unità, continua ad esercitare discriminazioni razziste verso i cittadini del Sud, predisponendo per loro un destino di nuove Cayenne italiane.
13,00 12,35

L'inferno di Pianosa. L'esperienza del 41 bis nel 1992

Rosario E. Indelicato

Libro: Copertina rigida

editore: Sensibili alle Foglie

anno edizione: 2015

pagine: 96

"Nel 1992 alcune centinaia di persone vengono prese e deportate nelle carceri del circuito di Alta Sicurezza - cinquantadue solo a Pianosa - e vengono sottoposte a trattamenti inimmaginabili. La parola chiave di quella esperienza, giustificata istituzionalmente come 'lotta alla mafia' e regolata dall'applicazione dell'articolo 41 bis dell'Ordinamento penitenziario, può essere sintetizzata come pratica della tortura, reato che ancora oggi non è previsto nei codici italiani. Rosario Enzo Indelicato è una di quelle centinaia di persone a cui è toccato vivere l'inferno quotidiano, che va molto aldilà delle restrizioni formali a cui fanno riferimento gli articoli di legge e getta i detenuti in una condizione di non vita, nell'indifferenza delle istituzioni e di molti cittadini. Indifferenza e non ignoranza, come si evince dalla testimonianza dell'autore, che ha scontato, in attesa di giudizio, cinque anni in quella terra di nessuno dove i diritti più elementari vengono cancellati dalla prepotenza e dalla violenza della polizia penitenziaria, alla quale è affidata consapevolmente la gestione delle carceri".
12,00 11,40

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento